Sportello IMU

Servizio attivo

Informazioni e pagamento dell'Imposta Municipale Unica


A chi è rivolto

L'Imu è dovuta da:

  • coloro che possiedono immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, come proprietari oppure come titolari dei diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie;
  • il genitore affidatario dei figli, per la casa familiare in categoria catastale A/1, A/8 o A/9, assegnata a seguito di provvedimento del giudice;
  • il coniuge superstite titolare del diritto di abitazione previsto dall’art. 540 del Codice Civile sulla casa, adibita a residenza familiare, in categoria A/1, A/8 o A/9, per la quota che era di proprietà del coniuge deceduto;
  • l'amministratore del condominio, per conto di tutti i condomini, per le parti comuni dell'edificio che sono accatastate in via autonoma come bene comune censibile;
  • i concessionari in caso di concessione di aree demaniali;
  • i locatari in caso di locazione finanziaria, a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto, anche per gli immobili da costruire o in corso di costruzione.

Nel caso di concessione di aree demaniali, l’Imu è dovuta dal concessionario, ossia colui al quale è stata data in concessione l’area demaniale.

Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, l’Imu è dovuta dal locatario, ossia da colui che ha preso in locazione l'immobile, a partire dalla data della stipula del contratto e per tutta la durata del contratto.

Descrizione

L’Imu è l’imposta sui beni immobili (fabbricati, aree fabbricabili, terreni agricoli), disciplinata dalla legge 160/2019 (legge di bilancio 2020), all'art. 1, commi da 738 a 783 e successive modifiche ed integrazioni.

L’imposta è dovuta per anno solare.

In caso di più soggetti contitolari dello stesso immobile, l'Imu va versata da ciascun contitolare in proporzione alla sua quota di proprietà e ai mesi di possesso.

In caso di variazione di possesso, il mese della variazione è a carico di colui (venditore/acquirente) che ha posseduto l'immobile per più della metà dei giorni di cui quel mese è composto.

Esclusioni dall’Imu per le abitazioni principali
L'Imu non si applica alle abitazioni che la legge 160/2019 definisce o considera “Abitazione principale”.
L'abitazione principale è definita come l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente.
Ne consegue che:

  • sono necessari ambedue i requisiti (dimora abituale e residenza anagrafica);​
  • non è possibile considerare abitazione principale un immobile diverso da quello di residenza anagrafica.

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 209/2022, è intervenuta sulla fattispecie dei coniugi con residenze e dimore separate in due distinte unità immobiliari possedute. In questi casi la qualifica di abitazione principale può essere riconosciuta ad entrambi gli immobili solo se i coniugi, oltre a risiedere anagraficamente, dimorano abitualmente nell'immobile posseduto, e ciò sia dimostrabile.
La citata sentenza della Corte specifica che “la necessità di residenza disgiunta all’interno del medesimo comune rappresenta una ipotesi del tutto eccezionale (e che come tale dovrà essere oggetto di accurati e specifici controlli da parte delle amministrazioni comunali)” e che "i comuni dispongono di efficaci strumenti per controllare la veridicità delle dichiarazioni, tra cui (...) anche l'accesso ai dati relativi alla somministrazione di energia elettrica, di servizi idrici e del gas relativi agli immobili ubicati nel proprio territorio; elementi dai quali si può riscontrare l'esistenza o meno di una dimora abituale".
La Corte ha precisato che la sentenza soprarichiamata non determina, in alcun modo, una situazione in cui le cosiddette "seconde case" delle coppie unite in matrimonio o in unione civile possono usufruire sempre e comunque dell'esenzione. Laddove le coppie abbiano la stessa dimora abituale l'esenzione spetta una sola volta.

Le abitazioni che la legge n. 160/2019 considera come "principali", escluse dall'applicazione dell'Imu, sono:

  • abitazione principale e relative pertinenze, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici e storici);
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, comprese quelle destinate a studenti universitari soci assegnatari;
  • fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24/06/2008, adibiti ad abitazione principale;
  • casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli a seguito di provvedimento del giudice, che costituisce a suo favore il diritto di abitazione;
  • un solo immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19/05/2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • ai sensi del Regolamento comunale Imu, l'unità immobiliare posseduta da anziani o persone disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, purché non locata (salvo il caso degli immobili di cat. A/1, A/8 e A/9). In caso di più unità immobiliari possedute, la predetta agevolazione può essere applicata alla sola unità immobiliare che sia stata abitazione principale dell'anziano o persona disabile fino al momento del trasferimento nell'istituto di ricovero.

Pertinenze dell'abitazione principale
Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. Nel caso in cui, ad esempio, si possiedano due unità di categoria C/6, ad una sola di esse verrà applicata l’esclusione dell’Imu, mentre per l’altra andrà effettuato il versamento.

Come fare

VERSAMENTO
Il versamento si effettua alternativamente con:

  • modello F24 (in posta, banca o per via telematica);
  • bollettino postale (si vedano le istruzioni sul sito di Poste Italiane);
  • online con il sistema di pagamento previsto dal Comune di Camini, in collaborazione con ANUTEL, direttamente dal calcolo Imu online.

Codici tributo da utilizzare per il pagamento con mod. F24:

  • 3912 Abitazione principale e relative pertinenze
  • 3914 Terreni
  • 3916 Aree fabbricabili
  • 3918 Altri fabbricati diversi dalla categoria D
  • 3923 Interessi (a seguito di accertamento)
  • 3924 Sanzioni (a seguito di accertamento)
  • 3925 Immobili di categoria D (quota Stato)*
  • 3930 Immobili di categoria D (quota Comune)*

*Sugli immobili di categoria catastale D, l'aliquota deliberata dal Comune di Camini (tranne per gli immobili di categoria D/5) è dello 1,60%: lo 0,76% va allo Stato e l'eccedenza al Comune. Nel mod. F24 utilizzare il codice tributo 3925 per la quota Stato e il codice tributo 3930 per la quota Comune.
In tutti i casi, sia per la quota comunale che per quella dello Stato deve essere riportato, sul mod. F24, il codice identificativo del Comune di CAMINI: B481.

DICHIARAZIONI 
La dichiarazione IMU deve essere presentata nell’anno successivo a quello in cui si sono verificate le variazioni. 

La presentazione della dichiarazione IMU è obbligatoria per determinate fattispecie e in presenza di casistiche particolari. In generale, è necessaria in tutti i casi in cui le informazioni non sono direttamente conoscibili o rilevabili d’ufficio da parte del Comune (ad esempio locazioni finanziarie, conduzione diretta dei terreni, concessione di aree demaniali, assegnazione della casa familiare al genitore affidatario dei figli minori, fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, comodati gratuiti, eccetera); in particolare, la dichiarazione IMU è obbligatoria per quanto riguarda agevolazioni, riduzioni o esenzioni dall’imposta. Non vi è obbligo dichiarativo per tutte le variazioni rilevabili dal Comune (compravendite, cambi indirizzo/residenza, variazioni percentuali di possesso degli immobili, eccetera).

NOVITA' 2024
Dal 2024 la dichiarazione comunale per l'applicazione dell'aliquota agevolata è sostituita dalla dichiarazione ministeriale IMU da presentarsi secondo i termini di legge entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui si usufruisce dell'agevolazione, indicando 5 “Altre riduzioni” nella casella “Riduzioni” (campo 11) e descrivendo nel campo “Annotazione” la fattispecie per la quale spetta la riduzione d'aliquota (es. comodato d'uso gratuito, uso diretto di attività produttiva, commerciale e/o per l'esercizio di arti e professioni, contratto concordato conforme agli Accordi Locali). L'agevolazione d'aliquota spetta per il periodo d'imposta durante il quale sussistono i requisiti richiesti. Ferme le disposizioni vigenti negli anni antecedenti, quindi fino all'anno 2023, per le quali occorreva presentare la dichiarazione comunale per l'applicazione dell'aliquota agevolata, adempimento che, se effettuato nei termini ivi indicati, è valido per gli effetti fiscali anche per gli anni successivi a condizioni invariate. 

Il Ministero dell'economia e delle finanze ha emanato il Decreto 24 aprile 2024 con il quale ha approvato i modelli di: 

- Dichiarazione IMU/IMPi (imposta municipale propria/imposta immobiliare sulle piattaforme marine);
- Dichiarazione IMU ENC (imposta municipale propria enti non commerciali).

La dichiarazione Imu deve essere presentata nei casi previsti dalle istruzioni ministeriali per la compilazione della dichiarazione. Per le modalità di trasmissione della dichiarazione Imu vedere la sezione “Accedi al servizio”.

La dichiarazione Imu deve essere presentata anche nel caso di esenzione per gli immobili occupati abusivamente e, in questo caso, deve essere trasmessa esclusivamente in via telematica.

RIMBORSI
I contribuenti che hanno versato più del dovuto possono presentare la domanda di rimborso al Comune, utilizzando il modulo allegato, anche nel caso in cui il credito si riferisca alla quota statale dell'imposta, allegando, eventualmente, la documentazione utile alle verifiche.
Il Comune provvede a rimborsare la quota di propria spettanza e a segnalare, al Ministero dell'Economia e delle Finanze e dell'Interno, l'eventuale quota a carico dell'erario, il quale effettua il rimborso una volta che il Comune ha inserito i dati nell'apposita sezione del Portale del federalismo fiscale.

COMPENSAZIONI
Chi ha versato più del dovuto può, in alternativa al rimborso, richiedere la compensazione con le successive rate del tributo di competenza comunale.
La compensazione consiste nel sottrarre l'importo di cui si è a credito dalle rate successive del tributo (es.: Imu dovuta nel 2024 pari a 400 euro, credito per l'anno precedente pari a 100 euro, si può procedere a compensazione versando nella colonna a debito del mod. F24 la sola differenza pari a 300 euro). L'importo da compensare deve riferirsi ad annualità per le quali non è decaduto il diritto al rimborso (di norma, cinque anni dalla data del pagamento).
Se si intende usufruire della compensazione, è necessario trasmettere all'ufficio l'apposita domanda di compensazione, utilizzando il modulo allegato, almeno 30 giorni prima della scadenza della rata, allegando eventualmente la documentazione utile alle verifiche.

RIVERSAMENTO AD ALTRO COMUNE
Chi ha effettuato erroneamente un versamento al Comune di Camini anziché al Comune dove sono ubicati i propri immobili (es. indicato erroneamente il codice del Comune di Camini B481 anziché il codice proprio del Comune competente) lo segnala all'ufficio utilizzando il modello della domanda di riversamento, secondo il modello allegato. L'ufficio provvede a riversare la somma direttamente al Comune di competenza.
Se invece l'errato versamento è imputabile all'intermediario finanziario (poste, banche), sarà quest'ultimo che dovrà procedere all'annullamento dell'F24, seguendo le istruzioni contenute nella Risoluzione n. 2/DF del 13/12/2012.

REGOLARIZZAZIONE VERSAMENTI
Nel caso in cui l'Imu dovuta sia stato complessivamente versata, ma siano stati indicati i codici tributo errati o siano state versate allo Stato somme di competenza del Comune (o viceversa), il contribuente segnala l'errore all'ufficio attraverso l'invio dell'apposita domanda di regolarizzazione versamento per le conseguenti regolazioni finanziarie tra Stato e Comune.

INTERPELLO
Il contribuente può presentare domanda di interpello al Settore Affari Generali-Servizi alla Persona-Entrate se ci sono obiettive condizioni di incertezza sulla interpretazione di una disposizione tributaria relativa all'Imu riferita al Comune di Camini.
Nella domanda deve essere esposto in modo chiaro e univoco il caso concreto e personale e la soluzione interpretativa che si ritiene debba essere adottata per il caso prospettato. Il contribuente deve presentare la richiesta prima di porre in essere il comportamento o di dare attuazione alla norma oggetto di interpello, a pena di inammissibilità.
Alla domanda deve essere allegata copia della documentazione utile ad individuare la fattispecie prospettata.

RIESAME AVVISO DI ACCERTAMENTO
In caso di irregolarità nel versamento dell’Imu e/o della presentazione delle dovute Dichiarazioni l’ufficio emette avviso di accertamento con determinazione dell'importo da pagare, comprensivo di imposta, sanzioni ed interessi.
Il contribuente al quale sia stato notificato avviso di accertamento o rifiuto al rimborso Imu che ritiene illegittimo, può inoltrare all'ufficio richiesta motivata di riesame, allegando tutta la documentazione utile. L'Ufficio verifica la motivazione della richiesta di riesame e procede alla eventuale rettifica o annullamento dell'atto, se dovuti, oppure alla sua conferma.

ACCERTAMENTO CON ADESIONE
Il contribuente al quale sia stato notificato avviso di accertamento, avente per oggetto aree edificabili, può formulare, anteriormente all'impugnazione dell'atto, una richiesta di accertamento con adesione.
Oggetto dell'adesione può essere solo il valore delle aree edificabili accertato, in quanto suscettibile di apprezzamento valutativo, e non anche l'eventuale valore dei fabbricati, determinato in base alle rendite catastali.

RATEAZIONE RISCOSSIONE AVVISO DI ACCERTAMENTO
Il contribuente al quale sia stato notificato avviso di accertamento, che si trovi in situazione di temporanea e obiettiva comprovate difficoltà di ordine economico può chiedere la ripartizione del pagamento delle somme dovute. Dal 01.01.2020 si applicano le norme di cui all'art. 1 comma 796 e ss. della legge 160/2019.

Cosa serve

Per calcolare l'importo da versare è necessario determinare la base imponibile, sulla quale applicare l' aliquota.

​Come determinare la base imponibile:

  • per i fabbricati è necessario conoscere la rendita catastale;
  • per i terreni agricoli è necessario conoscere il reddito dominicale, risultante in catasto;
  • per le aree fabbricabili si deve considerare il valore venale in comune commercio del terreno alla data del 1° gennaio dell’anno in corso o dell'adozione degli strumenti urbanistici. Il Comune di Padova non ha deliberato tabelle di riferimento dei valori venali delle aree.

Il Comune di Camini, in collaborazione con ANUTEL, mette a disposizione dei contribuenti un servizio per il calcolo del dovuto e per il versamento. Clicca qui

Cosa si ottiene

Versamento dell'IMU

Tempi e scadenze

L'imposta, per l'anno in corso, va versata in due rate:

  • prima rata entro il 17 giugno 2024 (essendo il 16/06 una domenica);
  • seconda rata entro il 16 dicembre 2024.
     

Il versamento della prima rata è pari all'imposta dovuta per il primo semestre.
Il versamento della seconda rata è pari all'imposta dovuta per l’intero anno 2024, a conguaglio di quanto versato in acconto.

È comunque ammesso il versamento in un'unica soluzione alla prima scadenza.

Per gli enti non commerciali vedere la sezione sottostante “Casi particolari”.

Quanto costa

L'Imu va versata, secondo le aliquote approvate dal Comune, senza decimali, con arrotondamento all'euro:

  • per difetto se la frazione è pari o inferiore a 49 centesimi (72,49 euro si arrotondano a 72 euro);
  • per eccesso se superiore (72,50 si arrotondano a 73 euro).

L'arrotondamento va effettuato per ogni rigo del modello F24.

L'importo minimo per soggetto passivo è 12 euro annui, al di sotto di tale soglia l'imposta non è dovuta.

Ravvedimento operoso
Chi non ha pagato l'Imu entro la scadenza prevista o ha effettuato versamenti parziali può regolarizzarsi con il "ravvedimento operoso" (previsto dall'art. 13 del D.Lgs. 472/97 e successive modificazioni).

È possibile regolarizzare i versamenti omessi, parziali o tardivi con il pagamento dell'imposta dovuta, delle sanzioni in misura ridotta come più sotto indicato (anziché del 30% come previsto in caso di accertamento), e degli interessi, a maturazione giornaliera, nella misura del saggio legale vigente (0,30% nel 2018; 0,80% nel 2019; 0,05% nel 2020; 0,01% nel 2021; 1,25% dal 2022; 5% nel 2023; 2,5% nel 2024).

Il ravvedimento, considerata la sanzione prevista dall'art. 13 del D.Lgs. 472/97 e successive modificazioni, consente la regolarizzazione entro:

  • quattordici giorni, con la sanzione dello 0,1% per ogni giorno di ritardo;
  • dal quindicesimo giorno fino al trentesimo giorno, con la sanzione del 1,5%;
  • oltre i trenta giorni ed entro i novanta giorni, con la sanzione del 1,67%;
  • oltre i novanta giorni ed entro un anno dalla scadenza, con la sanzione del 3,75%;
  • oltre un anno ed entro due anni dalla scadenza, con la sanzione del 4,29%;
  • oltre i due anni con la sanzione del 5%;

Nel modello F24 le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all'imposta dovuta. Occorre inoltre barrare sempre la casella "ravvedimento".

Accedi al servizio

È disponibile il servizio per il calcolo Imu online, che consente anche di pagare direttamente online (fino a 250 euro).
Compilati i campi richiesti per il calcolo, cliccare su "Paga F24 online".

Calcolo Imu online 2024

Prenota un appuntamento e presentati presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

Ufficio Entrate e Tributi
Via Fontana, n. 16 - Camini
Tel. 0964.440733 - E mail tributi@comune.camini.rc.it.it
Apertura al pubblico
Lunedì 15.00/17.00
Martedì 10.00/12.00
Mercoledì 15.00/17.00
Giovedì 10.00/12.00

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • Legge 178/2020, art. 1, comma 48
  • D. L. 146/2021, art. 5 decies
  • Legge 160/2019 (art. 1, commi 738-783). Per la difinizione di "abitazione principale" si veda anche sentenza Corte Costituzionale n. 209 del 13/10/2022
  • D.L. 26 ottobre 2019, n. 124
  • D.L. n. 201, art. 13 del 6 dicembre 2011
  • Deliberazione del Consiglio comunale n. 38 del 13/12/2023 di approvazione delle aliquote Imu per l’anno 2024

Contatti

Ufficio Entrate e Tributi

Via Fontana, 16 89040 - Camini (RC)

0964440733

tributi@comune.camini.rc.it

protocollo.camini@asmepec.it

Allegati

Tipo: altro    Formato: pdf

Tipo: altro    Formato: pdf

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: DOC

Tipo: modulo    Formato: doc

Ultimo aggiornamento: 19-06-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 150 caratteri